La Contaminazione al Femminile: al via Donna(in)Dipendenza

L’emancipazione femminile ha generato un curioso paradosso: la crescita esponenziale dei livelli di dipendenza della donna moderna e indipendente.
Bellezza, carriera, relazioni d’amore, e poi alcol, droghe, cibo, shopping.
I conti non tornano. La rivoluzione femminile è ancora tutta da costruire.

Dopo il freno a mano che abbiamo dovuto tirare a febbraio 2020 per motivi che non stiamo qui a spiegare, avevamo deciso di ripartire ad ottobre con il progetto Donna(in)Dipendenza, il primo Gruppo di Contaminazione pensato dalle donne per le donne.
Si, detta così sembra uno spot per prodotti femminili ma in un certo senso Donna(in)Dipendenza lo è.
È un modo nuovo di prendersi cura di sé stesse passando per il potere dello scambio e dell’energia femminile che, attraverso il gruppo, si moltiplica restituendo consapevolezza, bene-essere e rinnovata bellezza.
Ma vogliamo spiegarvi per bene come è nata l’idea.
Mettetevi comode perché stiamo per riportare, quasi testualmente, le riflessioni sul tema del femminile emerse durante una delle riunioni del Team di FunRaising.

La retorica desueta dell’”essere donna oggi” è qualcosa che annoia tutti ormai, soprattutto le donne. E c’è un motivo: essere donna, oggi come ieri, è stata sempre una rogna.
Tutto è cominciato quando Eva – forse in sindrome pre-mestruale o, forse, nel tentativo di stimolare un po’ di galanteria nel goffo Adamo pre-preistorico – espresse l’innocente desiderio di assaporare una mela.
Stiamo parlando di una mela! Un frutto saporito ma banale.
Non aveva chiesto un trancio di squalo bianco, e neanche un etto di tartufo nero del Périgord! Una mela voleva la povera Eva! Forse annurca, su questo gli storici della Bibbia sono in disaccordo, ma fu comunque un motivo sufficiente per far succedere il finimondo.

Peccato originale lo hanno chiamato ed è, probabilmente, la traduzione biblica dei nostri sensi di colpa, delle sindromi da crocerossina e varie ed eventuali del tipo “indossi la minigonna quindi un po’ te la sei cercata”, “chi dice donna dice danno” eccetera, eccetera, eccetera…
Ci portiamo addosso duemila anni di colpevolezza e abbiamo espiato abbastanza. No?
Essere donna, ieri come oggi, è un affare complicato.

Ci hanno fatte a pezzi con i sensi di colpa e con i sensi in generale: dal senso del dovere e della famiglia all’obbligo inderogabile di sensualità. Ci hanno dotate di intelligenza, ma tutta da dimostrare. Ci hanno messe in competizione per il maschio trofeo. Ci hanno lanciate nella carriera nella convinzione che non ce l’avremmo fatta. Si sono trovati spiazzati e hanno inventato un mobbing maschilista e meschino, fatto di maternità negate e promozioni a sessi alterni. Ci hanno detto che la bellezza, la cura del corpo, l’eterna giovinezza fanno la felicità. Ci hanno detto pure che il tempo da dedicare alla casa, alla cura di marito e figli da qualche parte deve uscire. E molte di noi questo tempo, se pure non c’è, se lo sono inventato, alzandosi all’alba per fare jogging e andando a letto tardi per caricare l’ultima lavatrice prima di finire la presentazione per il capo.

Il processo di emancipazione femminile sembra aver dato vita a un curioso paradosso: la crescita esponenziale dei livelli di dipendenza della donna moderna e indipendente.
Bellezza, intraprendenza, carriera, famiglia/maternità/management domestico, relazioni d’amore. E poi alcol, droghe, cibo, divertimento, social-network, farmaci, shopping.
Tutte dipendenze in consistente aumento, negli ultimi anni, proprio tra le Donne.
Si, tra le donne moderne e indipendenti.
I conti non tornano, qualcosa è andato storto.
La rivoluzione femminile è ancora tutta da costruire.

Donna(in)Dipendenza è un Gruppo di Contaminazione in cui si vuole ridefinire la dimensione del femminile in maniera partecipata e condivisa secondo parametri più vicini al sé reale. Un gruppo nel quale l’esperienza soggettiva del femminile viene posta sotto una lente d’ingrandimento non giudicante volta alla valorizzazione delle sue componenti autentiche. All’interno del gruppo, ogni donna potrà spogliarsi del superfluo imposto per lasciare l’essenziale libero di esprimersi al massimo delle sue potenzialità.
Ricordiamoci che parte della responsabilità di ciò che è oggi l’esperienza del femminile è nostra.
E anziché sentirci in colpa, buttarci relazioni malate o nell’alcol, faremmo meglio ad assumerci la responsabilità del nostro cambiamento personale. E quando decideremo di farlo, chiamiamo anche le nostre Amiche, Madri o Sorelle per cambiare rotta insieme, come un’unica squadra.
Il gruppo sarà un’occasione per mettere in discussione noi stesse più che il sistema. Nessuna si piangerà addosso e sarà vietato lamentarsi. A tutte, invece, sarà richiesto di costruire soluzioni concrete per migliorare la qualità del vissuto femminile e della vita.

La struttura originale (che realizzeremo quando sarà possibile) prevede 10 incontri gratuiti a cadenza mensile, agevolati da counselor professionisti, della durata di due ore ciascuno.

Dal 29 ottobre partiremo on line con una serie di interessanti talk in compagnia di ospiti d’eccezione, Donne e Uomini di grande Valore, che offriranno il loro contributo alla costituzione di una Cultura di genere alternativa e sveglia.

PROGRAMMA DEI TALK
DONNA(IN)DIPENDENZA
2020-2021

1°talk
29 ottobre 2020
CONOSCERSI DI PIÙ

Un primo incontro in cui proveremo ad agevolare la conoscenza di noi stesse attraverso le domande giuste.
Cosa mi piace veramente? Cosa mi fa andare in bestia? Cosa desidero ? Cosa (o chi) vorrei che uscisse dalla mia vita?

2° talk
12 NOVEMBRE 2020

L’idea centrale di questo secondo incontro è: come riconoscere e valorizzare il nostro potenziale?
Anche stavolta proveremo a porci le domande giuste:
Qual è il mio dono? Possiedo delle abilità particolari? Come mi sento quando le metto in pratica?

3° talk
26 novembre 2020
LA RICERCA DELLA FELICITÀ

Nel terzo incontro esploreremo l’universo variegato delle percezioni di felicità per trovare, ognuna, un’idea di felicità da adottare come un nuovo stile di vita.
Che cos’è per me la felicità? Quali sono stati i momenti in cui mi sono sentita veramente felice? Cosa c’era dentro e fuori di me in questi momenti? Esistono delle piccole cose capaci di regalarmi, ogni giorno, momenti di felicità?

4° talk
10 dicembre 2020
EGOISTE DI NECESSITÀ
Concentrarsi sulla propria felicità può avere come naturale conseguenza quella di diventare più egoiste.

La metafora del Babbà:
Ho deciso di preparare il più bel babbà per il mio compleanno. Ci ho dedicato cura, Amore e pazienza. Ho scelto gli ingredienti migliori, ho seguito la ricetta tradizionale e ho atteso pazientemente le due lunghe lievitazioni. Ci ho lavorato tanto: permetterei a qualcuno di mettere le dita nella panna?

5° talk
31 dicembre 2020
CONTROLLO O LIBERTÀ?
”Era una Donna intelligente, capace anche di perdere la testa”.

Quanto mi sento libera di perdere la testa? Quando è stata l’ultima volta in cui l’ho fatto? Come mi sono sentita? Quanto sono effettivamente libera di esprimere la mia spontanea interiorità?

6° talk
14 gennaio 2021
LIBERE DI VIVERE L’INTER-DIPENDENZA

Dalla dipendenza all’inter-dipendenza: viviamo nel mondo e siamo connessi a un’infinità di cose e Persone che influenzeranno sempre la nostra vita e il nostro bene-essere. La differenza la fa la nostra libertà di scegliere a chi o a cosa legare la nostra esistenza e la nostra felicità.
In questo modo Donna(in)Dipendenza costruisce sé stessa.
La mia vita è piena di per sé oppure necessita dell’esistenza di altri per essere veramente piena? In che modo riempirei la mia vita se questi ‘altri’ non ci fossero?

7° talk
28 gennaio 2021
È AMORE O INSICUREZZA?

In questo incontro si parlerà d’Amore o, meglio, si cercherà di imparare insieme a distinguere le relazioni basate sull’Amore da quelle fondate su cose diverse dall’Amore. Anche in questo caso proveremo a porci le domande giuste.
Quante volte ho confuso la mia insicurezza con l’Amore? Quante volte mi sono legata a qualcuno soltanto perché avevo bisogno di ‘aggrapparmi’? Può la mia sicurezza dipendere da qualcuno che non sia io stessa?

8° talk
11 febbraio 2021
IL CAMBIAMENTO

Il cambiamento: ciò per cui forse ogni Donna(in)Dipendenza sceglie di entrare a far parte del Gruppo.
Proviamo insieme a trovare la scintilla del cambiamento dentro noi stesse.
Quante volte, nella vita, ho cambiato pelle? Quante volte l’ho soltanto desiderato? Che importanza ha, nella vita, cambiare?

9° talk
25 febbraio 2021
LA SCHIAVITÙ DELLA PAURA

«Per molto tempo fui schiava della paura, ma ormai me ne sono liberata. La paura è una trappola che imprigiona le donne, impedendo loro di esprimersi liberamente. Ho dovuto imparare sulla mia pelle, in un modo brutale e in seguito a una esperienza assai dolorosa, che chi riesce a sconfiggerla diventa padrone della propria vita».

Che cos’è la paura? Quali sono le mie paure? Che effetti hanno sulla mia vita? Come sarebbe la mia vita se sapessi affrontare le mie paure?

10° talk
4 marzo 2021
LA DONNA COME MAESTRA DI VITA

«Esiste una profezia secondo la quale la terra, all’inizio del Terzo Millennio subirà dei grossi cambiamenti climaticí che si ripercuoteranno sulla salute, sull’economia, sulla organizzazione sociale dell’umanità, giungerà il momento in cui lo spirito femminile si risveglierà da un lungo letargo durato più di cinque secoli, per dare, infine, origine a un mondo di pace e di armonia»

Potremmo essere noi quel gruppo?

L’appuntamento è sulla pagina Facebook di FunRaising.
Ogni due giovedì, fino a marzo 2021, dalle 18,30 alle 19,30.

Vi aspettiamo😉

volto di donna

Fissa un appuntamento

Lo scopo di ciascun percorso Fun-Raising è quello di accompagnare le Persone a vivere serenamente nel proprio mondo personale e professionale.