Come Prenderti Cura del Tuo Benessere Interiore

Alla base di una vita piena e gratificante c’è un buon rapporto con sé stessi.

Spesso, ad esempio, viviamo un fastidioso conflitto tra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere, tra ciò che facciamo e ciò che vorremmo fare. Questo conflitto ci crea non pochi problemi. Ci fa sentire frustrati o profondamente insoddisfatti e minaccia la serenità delle nostre Relazioni con gli Altri.

Vivere bene con sé stessi richiede lo stesso impegno che sappiamo essere necessario per andare d’accordo con gli Altri.

Solo che le due cose sono talmente legate da essere impossibili l’una senza l’altra.

Se non vai d’accordo con te stesso, difficilmente riuscirai ad avere una vita relazionale soddisfacente.

Ecco, dunque, un mini-percorso che potrai seguire per conoscerti meglio e, magari, diventare tuo Amico.

Conoscerti di più ti offrirà una chiave di accesso al benessere interiore: sarà più facile, per te, parlare di te e ridere dei tuoi difetti; sarai più aperto a scoprire cose, più curioso di sapere chi è l’Altro e i tuoi scambi diventeranno più arricchenti. Coltivando il benessere interiore imparerai ad ascoltarti e ciò farà di te una Persona più interessante, più in contatto con i tuoi sentimenti e bisogni.

Puoi riconoscere subito chi si conosce davvero: non cerca a tutti i costi di essere qualcuno perché sa già di essere qualcuno.

Per coltivare la conoscenza di te stesso e, dunque, il tuo benessere interiore, proveremo ad allenare, oggi, il tuo ‘muscolo’ dell’autostima.

L’autostima è un ‘muscolo’ fondamentale, è quello che ti consente di stare in piedi e di muoverti verso i tuoi obiettivi, per intenderci. Muoverti verso i tuoi obiettivi vuol dire auto-determinarti ovvero fare della tua vita ciò che più desideri.

Se non ti auto-determini, perché non hai sufficiente stima di te, allora è probabile che qualcun altro lo farà al posto tuo (o che lo stia già facendo). Ci hai mai riflettuto?

Se questa cosa non ti sta bene allora preparati a un allenamento ‘hard’. Non sarà facile, se non sei già allenato, ma il ‘muscolo’ ce l’hai. Ti tocca solo imparare ad usarlo bene.

AVERE CURA…

  1.  ABBI CURA DI TUTTE LE PARTI DI TE: secondo l’approccio FunRaising, tu sei un individuo complesso formato da almeno tre componenti: la mente, il corpo e lo spirito. Il bene-essere generale dipende dalla cura che dedichi a ciascuna di queste tre componenti. Nessuna va trascurata a discapito dell’altra. Perciò il primo suggerimento per allenare la tua autostima è dare valore ad ognuna di esse prendendotene cura. Puoi partire dal corpo o dalla mente, ha poca importanza. Quello che conta è che nel corso di ogni giornata dedichi attenzione e cura al tuo spirito (meditando, facendo o ammirando l’Arte, pregando etc.), al tuo corpo (nutrendolo correttamente, muovendolo il necessario, coccolandolo, abbellendolo etc.) e alla tua mente (leggendo, studiando, ricercando, parlando con Persone stimolanti etc.).
  2.  ABBI CURA DELL’IMMAGINE CHE HAI DI TE: probabilmente anche tu, come tanti, tendi a dare maggior peso ai tuoi difetti piuttosto che ai tuoi pregi. Prova a modellare l’immagine che hai di te in maniera tale che i pregi e i difetti si equilibrino. Puoi fare un elenco di caratteristiche che ti appartengono: dividi un foglio in due parti e inizia a visualizzare l’immagine che hai di te. Lo sforzo che ti chiediamo è di trovare una caratteristica positiva per ogni difetto. Se ti riesce difficile puoi farti aiutare da qualcuno che ti conosce bene. Quando avrai finito sottolinea la prima voce dell’elenco dei pregi e la prima voce dell’elenco dei difetti. Definisci un piano d’azione che, nel corso della settimana successiva, ti consentirà di lavorare sul tuo difetto (che in questo modo diventerà magicamente un’area di miglioramento) e di valorizzare la tua qualità (puoi decidere di arrivare all’eccellenza, perché no?).
  3.  ABBI CURA DI SCEGLIERE GLI OBIETTIVI GIUSTI PER TE: se qualche volta sei andato a sbattere contro le delusioni potrebbe essere perché, a monte, non hai fatto un buon lavoro di definizione degli obiettivi. Magari non hai tenuto conto delle tue condizioni di partenza (conoscendoti poco) o, forse, semplicemente non si trattava di un ‘vero obiettivo’ (non rispondeva, cioè, ai tuoi bisogni reali), o, ancora, non hai razionalizzato le energie lanciandoti a missile durante i primi step per poi lasciarti depotenziare dai primi ostacoli. Le ragioni possono essere molte. Quello che ci interessa qui è che la delusione, il fallimento, la sconfitta fanno un male cane all’autostima. Perciò conviene che, prima di metterti all’inseguimento di un obiettivo, tu faccia una serie di valutazioni. Senza fretta e con molta concentrazione su quello che vuoi, che sei, che puoi veramente, in un determinato momento.
  4.  ABBI CURA DEI TUOI SUCCESSI: come tendiamo a dare più peso ai nostri difetti, così tendiamo a dare più peso ai nostri fallimenti. I nostri successi durano il tempo di un ‘hurrà’. Gli insuccessi, chissà perché, finiscono col perseguitarci anche di notte. Se anche tu appartieni alla schiera dei ‘rimuginatori seriali’, il nostro consiglio è di celebrare più spesso e più a lungo anche le piccole vittorie quotidiane e magari anche di tenere un ‘album dei successi’, fatto di foto, di cimeli o anche di frasi che li ricordino. Ti sarà molto utile consultarlo per rispondere a tono a quella vocetta malefica che, dentro di te, ogni tanto si diverte a passare in rassegna l’elenco delle sconfitte.
  5.  ABBI CURA DEGLI ALTRI: prendersi cura degli Altri (dove per Altri intendiamo anche piante ed animali) è un esercizio molto importante per fare del ‘prendersi cura’ uno stile di vita. Non ti sarà difficile, dopo un pomeriggio trascorso a fare del volontariato, avere voglia di curare anche te stesso perché la stima che avrai di te sarà la stessa stima che si nutre per una Persona che sa ‘prendersi cura’ degli Altri. Una Persona così è meritevole di prendersi cura anche di se stessa e del proprio benessere. Non credi?
ama te stesso

Fissa un appuntamento

Lo scopo di ciascun percorso Fun-Raising è quello di accompagnare le Persone a vivere serenamente nel proprio mondo personale e professionale.